Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Il decreto sulla tassazione degli extra-ricavi bancari non riguarda i mutui già stipulati. Non risolve dunque il problema principale emerso con l’aumento delle rate dei mutui a tasso variabile. Per farlo vanno seguite altre strade, coinvolgendo le banche.

La tassa sugli extra-ricavi  

La volontà del governo di tassare quelli che considera ingiusti extra ricavi (che non sono extra profitti) delle banche dovuti all’allargarsi della forbice tra tassi attivi e passivi è oggetto di molti argomentati rilievi critici, a cui si aggiungeranno, con ogni probabilità, quelli della Banca centrale europea. È comunque altrettanto probabile, vista la rivendicazione politica della paternità da parte della presidente del Consiglio, la conversione in Parlamento del decreto legge 104/2023, seppure con le correzioni immediatamente preannunciate all’interno della stessa maggioranza che l’ha approvato. Può essere allora utile fare chiarezza sugli effetti del provvedimento e indicare alcune linee d’azione, quantomeno per rendere più efficace l’impiego del gettito, per il momento, è bene precisarlo, non quantificato nemmeno nella relazione tecnica al decreto legge.  

La destinazione del gettito  

L’imposta dovrà essere versata dalle banche entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio 2023, quindi nella seconda metà del 2024. Solo allora si scoprirà come il gettito sarà ripartito tra le due finalità di cui è previsto il finanziamento: a) gli interventi volti alla riduzione della pressione fiscale di famiglie e imprese (banche escluse, si deve ritenere; b) il fondo di cui all’articolo 1, comma 48, lettera c) della legge 147/2013, il cosiddetto fondo prima casa. Per gli interventi sulla pressione fiscale, la dizione è talmente vaga e generica da rendere impossibile individuare la direzione che la riduzione di imposte intraprenderà, se verso un sistema fiscale progressivo o regressivo. Più specifica la misura rispetto al secondo obiettivo. Il governo si propone di favorire l’acquisto da parte delle famiglie della proprietà della prima casa. In estrema sintesi, il fondo offre una garanzia del 50 per cento sui finanziamenti il cui ammontare non superi i 250 mila euro. Accedono con priorità al fondo, che ha già una consistente dotazione (330 milioni di euro a fine 2022, secondo Mario Sensini, Corriere della Sera, 9 agosto 2023), le giovani coppie di recente formazione, i nuclei familiari monogenitoriali con minori conviventi, gli assegnatari delle case popolari. Fino al prossimo 30 settembre la percentuale di copertura è elevata all’80 per cento per i soggetti il cui Isee non superi i 40 mila euro annui. È evidente, quindi, che, al contrario di quanto si faceva intendere nella conferenza stampa successiva alla approvazione del decreto, con questo strumento non si interviene sui mutui già in ammortamento e dunque la misura non serve per affrontare il problema principale emerso con la lievitazione delle rate dei mutui a tasso variabile, divenute troppo onerose.

Indirizzare il gettito verso le famiglie in difficoltà  

Per agevolare le famiglie in difficoltà per l’accresciuta onerosità dei mutui in essere, il gettito dell’imposta sugli extra ricavi dovrebbe essere convogliata sul cosiddetto fondo Gasparrini, che interviene per aiutare i soggetti possessori di prima casa, i quali, per ragioni non dipendenti dalla loro volontà, registrano una riduzione del reddito, con conseguente difficoltà nel pagamento delle rate. Il fondo consente di beneficiare di una moratoria di 18 mesi nell’ammortamento del mutuo, con il pagamento del 50 per cento degli interessi sulle rate saltate. Le attuali condizioni non consentono l’accesso al fondo alle famiglie che non accusano una riduzione del reddito, anche se devono pagare rate molto più elevate di prima proprio a causa dell’aumento dei tassi. Naturalmente, quando il fondo fu istituito il problema dell’aumento delle rate a tasso variabile non era all’ordine del giorno, ma ora è diventata una situazione diffusa che si potrebbe affrontare, come abbiamo già prospettato, affiancando al requisito del reddito quello della sostenibilità del mutuo. Si tratterebbe, in sostanza, di consentire l’intervento del fondo anche quando il rapporto tra la rata e il reddito supera il livello precedente di una percentuale da definire. Questo potrebbe diventare un criterio di eleggibilità generale, sostitutivo anche di quello relativo alla riduzione del reddito. In fin dei conti, dovrebbe essere indifferente se l’insorgere della difficoltà nel pagamento delle rate dipende da un aumento del numeratore o da una diminuzione del denominatore del rapporto rata/reddito. Una sostanziale iniezione di risorse in questo strumento, accompagnata dalle opportune modifiche legislative, potrebbe essere molto più efficace e realistica per affrontare quelle problematiche sociali che il governo dichiara di voler risolvere con il gettito dell’imposta.  

Un contributo anche dalle banche  

Le probabilità di modificare l’originaria impostazione della norma sugli extra ricavi (articolo 26 decreto legge 104/2023) aumenterebbero se le banche manifestassero la disponibilità a fare la loro parte. L’ipotesi sulla quale gli istituti di credito potrebbero “sfidare” il governo è quella di dichiararsi pronti a costituire un proprio autonomo fondo alimentato anche con una percentuale maggiorata dagli importi che verrebbero sottratti dall’ammontare delle imposte da versare: per esempio, per ogni 100 euro non versati al fisco, un conferimento di 120 euro. Il fondo, che fra l’altro avrebbe il merito di essere immediatamente operativo, potrebbe articolarsi in molteplici forme di sostegno ai mutuatari in difficoltà: da un prolungamento del periodo di moratoria concesso dal fondo Gasparrini , all’accollo di una quota di interessi oltre quella da esso pagata, alla rinuncia alla capitalizzazione degli interessi sulle rate oggetto di moratoria il cui pagamento viene posticipato, fino a incentivare la trasformazione dei mutui da tasso variabile a tasso fisso. La lista, naturalmente, può essere integrata e le modalità tecniche dovrebbero essere approfondite nell’ambito del negoziato tra governo e associazioni di categoria, ma un accordo potrebbe giovare a tutti. Nel momento in cui l’ammontare dell’imposta sarà quantificata, le banche dovrebbero versare solo la parte non utilizzata per le attività del fondo e avrebbero il vantaggio di evitare la morosità di un numero indefinito di mutuatari, con le possibili perdite da coprire per i crediti che diventano sofferenti. Per il governo un accordo di questo tipo sarebbe forse meno spendibile per la narrazione populista, ma sicuramente utile per risolvere le difficoltà di decine di migliaia di famiglie.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Raffaele Lungarella

Raffaele Lungarella, laureato in scienze statistiche ed economiche, è stato docente a contratto di economia applicata nell’università di Modena e Reggio Emilia, dove è stato anche cultore della materia di economia politica. Ha diretto il nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici della regione Emilia-Romagna; dello stesso ente è stato responsabile dei servizi politiche abitative e lavori pubblici. È stato anche responsabile del servizio finanziamenti per l’innovazione tecnologica di una società finanziaria. Ora è in pensione.

Francesco Vella

vella Francesco Vella insegna Diritto Commerciale e Diritto Bancario all’Università di Bologna. Nella sua attività di ricerca ha prodotto quattro manuali (tutti editi dal Mulino), quattro monografie e numerose pubblicazioni in volumi collettanei e riviste in materia bancaria, finanziaria e societaria. Ha ricoperto e ricopre incarichi in organismi di controllo e di amministrazione, come amministratore indipendente, in società quotate. E’ tra i soci fondatori dell’Associazione Disiano Preite. È membro della redazione della voce.info.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui