Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Dopo l’approvazione della direttiva sulle case green da parte del Consiglio Ecofin, si comincia a parlare delle possibili soluzioni da adottare per fronteggiare i costi legati agli interventi necessari ad attuare quanto previsto dal provvedimento. Lo stesso ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha subito posto il problema di chi paga. Le stime del Centro studi di Unimpresa diffuse immediatamente dopo il via libera parlano di un conto da 270 miliardi di euro per gli immobili italiani. Alla luce di ciò, ci si domanda quali possano essere i programmi e le soluzioni allo studio in Italia. I piani potrebbero riguardare delle detrazioni per i redditi alti e dei contributi diretti dello Stato per i redditi bassi.

Case green, possibili bonus in vista?

Ad offrire delle primissime indicazioni è stato il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto Fratin, intervistato dal Corriere della Sera all’indomani dell’approvazione della direttiva sulle case green (Energy performance of buildings directive, Epbd). 

Il ministro dell’Ambiente, ricordando l’esperienza definita “disastrosa” del superbonus 110 per cento, ha spiegato che verrà fatto “quello che sarà possibile e compatibile con la finanza pubblica”. Entrando poi nello specifico dei possibili strumenti da utilizzare, Pichetto Fratin ha parlato di strumenti fiscali per i contribuenti che hanno redditi elevati, quindi una detrazione con aliquota da definire, e di un possibile contributo diretto dello Stato per chi ha redditi bassi; mentre per gli edifici pubblici ha menzionato la possibilità di coinvolgere le Esco, società che finanziano gli interventi e per un po’ si tengono il risparmio energetico, e di usare il Conto termico del Gestore dei servizi energetici (Gse).

Il ministro dell’Ambiente ha poi sottolineato la necessità di dare gli incentivi “alle cose che servono: pompe di calore, cappotti, doppi vetri. E al fotovoltaico, che comunque produce risparmi importanti”.

Nel corso dell’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Pichetto Fratin ha inoltre affermato che “il governo condivide in pieno gli obiettivi di decarbonizzazione”, aggiungendo: “Sappiamo che i fabbricati sono una delle principali cause delle emissioni di CO2 e che dobbiamo intervenire. Ci metteremo al lavoro sul Piano nazionale di ristrutturazione edilizia previsto dalla direttiva europea, ma lo facciamo guardando agli obiettivi finali europei del 2050 sul climate change”. Per quanto riguarda gli obiettivi intermedi del 2030 e 2033, il ministro dell’Ambiente ha detto: “Cercheremo di stare anche dentro quegli obiettivi ma, per quanto il testo della direttiva sia migliorato, dobbiamo essere realisti. Per noi sono obiettivi difficili, anzi, diciamo pure impossibili”.

Case green, cosa prevede la direttiva

La direttiva sulle case green approvata in via definitiva dal Consiglio Ecofin prevede zero emissioni dal 2030 per i nuovi edifici residenziali; zero emissioni dal 2028 per i nuovi edifici non residenziali; una riduzione dell’energia primaria media utilizzata di almeno il 16% entro il 2030 e di almeno il 20-22% entro il 2035 per gli edifici residenziali non di nuova costruzione; la ristrutturazione del 16% degli edifici non residenziali con le peggiori prestazioni entro il 2030 e del 26% entro il 2033. L’obiettivo finale è quello di avere un parco immobiliare a emissioni zero entro il 2050.

Per quanto riguarda i pannelli solari, i nuovi edifici pubblici avranno l’obbligo di installazione e tale obbligo sarà progressivo dal 2026 al 2030. Si dovranno inoltre mettere in campo strategie, politiche e misure nazionali per l’installazione negli edifici residenziali.

Per quanto riguarda le caldaie a gas, dal 2025 verranno aboliti gli incentivi per le caldaie autonome a combustibili fossili ed entro il 2040 i Paesi dovranno abbandonare le caldaie a combustibili fossili. 

Dall’entrata in vigore della direttiva, i Paesi membri avranno due anni di tempo per recepire il provvedimento e per presentare a Bruxelles i propri piani con indicato il modo in cui vogliono raggiungere gli obiettivi previsti.

Case green, quali sono i costi

In tema di costi, secondo le stime della Commissione europea entro il 2030 serviranno 275 miliardi di euro di investimenti annui per raggiungere gli obiettivi. Per i singoli Paesi non sono previsti finanziamenti dedicati, ma sarà possibile attingere ai fondi Ue, come il Fondo sociale per il clima, il Recovery Fund e i Fondi di sviluppo regionale.
 

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui