Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Agevolazioni
News aste
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Sono segnalato alla Centrale rischi della Banca d’Italia. Sarò cancellato dopo un accordo a saldo e stralcio?

La Banca d’Italia, con comunicazione del 19 giugno 2020, diramò delle Precisazioni aventi ad oggetto anche le modalità di segnalazione della clientela alle quali gli intermediari partecipanti alla Centrale dei rischi (cioè le banche) devono attenersi nel caso venga raggiunto con il cliente un accordo “a saldo e stralcio”.

In dettaglio, la Banca d’Italia ha chiarito che:

  • se l’accordo “a saldo e stralcio” prevede che il pagamento della somma concordata debba avvenire contestualmente alla stipulazione dell’accordo o, comunque, in un’unica soluzione, la banca dovrà segnalare il cliente, per la rilevazione riferita al mese in cui il pagamento del saldo è stato effettuato, nella categoria “sofferenze – crediti passati a perdita” per la parte di credito stralciata. Nessuna segnalazione è dovuta tra le “sofferenze” per cassa. Ed infine, a partire dalla rilevazione del mese successivo a quello in cui il pagamento è avvenuto, non deve essere fatta più alcuna segnalazione;
  • se l’accordo “a saldo e stralcio” prevede invece un piano di rimborso a rate ed il piano è subito efficace, la quota che il cliente si è obbligato a rimborsare costituisce un nuovo finanziamento rateale. Quindi, nel mese in cui le parti hanno raggiunto l’accordo, la banca dovrà segnalare il cliente nella categoria “sofferenze – crediti passati a perdita” per l’importo passato a perdita (cioè quello stralciato) e non dovrà invece fare alcuna segnalazione tra le “sofferenze”. Nei mesi successivi, la banca dovrà segnalare, mese per mese, nella categoria “sofferenze” la quota del credito da rimborsare con importi decrescenti in corrispondenza dei pagamenti a mano a mano ricevuti e fino al pagamento dell’ultima rata concordata (nessuna segnalazione dovrà essere fatta nella categoria “sofferenze – crediti passati a perdita”);
  • se l’accordo “a saldo e stralcio” prevede invece un piano di rimborso a rate ed il piano è efficace solo con il pagamento dell’ultima rata, la banca dovrà segnalare il cliente, mese per mese, nella categoria “sofferenze” per importi via via decrescenti fino al pagamento dell’ultima rata concordata; la segnalazione nella categoria “sofferenze – crediti passati a perdita” – per l’importo stralciato – è fatta con riferimento alla data in cui è pagata l’ultima rata ed il credito è estinto.

Nella stessa comunicazione del 19 giugno 2020, la Banca d’Italia esorta gli

intermediari (le Banche in primis) ad informare i clienti degli effetti sulle segnalazioni (quelli che le ho sopra indicato) che comporta un accordo “a saldo e stralcio” e ricorda che le Banche conservano la possibilità di consultare le informazioni della Centrale rischi al massimo per gli ultimi trentasei mesi.

Inoltre, le norme che regolano la Centrale rischi stabiliscono che l’estinzione del debito (che coincide, nel caso di accordo “a saldo e stralcio”, con il pagamento o in un’unica soluzione della somma concordata o dell’ultima rata del rimborso rateale concordato):

  • non comporta la cancellazione dalla Centrale rischi delle segnalazioni antecedenti al pagamento che estingue definitivamente il debito;
  • le Banche che partecipano al sistema della Centrale rischi possono accedere solo ai dati della Centrale rischi relativi ai 36 mesi precedenti la data della consultazione.

Questo vuol dire che tutte le segnalazioni restano sempre memorizzate nella banca dati della Centrale rischi anche dopo l’integrale estinzione del debito (anche a seguito di integrale pagamento di un accordo “a saldo e stralcio”), ma le Banche possono accedere solo ai dati della Centrale rischi relativi agli ultimi 36 mesi precedenti alla

data della consultazione.

Perciò, se lei estingue integralmente un suo debito a seguito di un accordo a “saldo e stralcio”:

  • a partire dal mese successivo a quello dell’integrale estinzione non verrà più fatta alcuna segnalazione a suo nome;
  • i dati relativi alle segnalazioni a suo nome contenute nella banca dati della Centrale rischi riferiti ai mesi precedenti a quello in cui ha estinto integralmente il debito non saranno più visibili dalla Banche a partire dal trentaseiesimo mese successivo a quello dell’integrale estinzione.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui